SommarioRicerca
PoesieE-Card, Articoli, ScreenSaver, ecc...
Utenti RegistratiArea E-mail

Biodiving: photosub, marine biology, diving school

 « | 141 | 142 | 143 | 144 | 145 | 146 | 147 | 148 | 149 | 150 | » Torna all'elenco 

  Se@News

giovedì 10 maggio 2012

Il Pacifico, un oceano di plastica


Si è centuplicata in 40 anni la mole dell'ammasso di spazzatura che galleggia in mezzo all'oceano. Fauna marina a rischio
L'avreste forse vista, in qualche foto della serie Ci stiamo fottendo il pianeta, la "Grande Massa di Rifiuti del Pacifico", nota anche come Pacific trash Vortex, ovvero la più grande discarica del mondo. E' uno spettacolo impressionante, una distesa quasi solida di bottiglie e sacchetti di plastica, filtri di sigarette, palloni, siringhe, accendini, spazzolini da denti, oggetti vari, che occupa un'area sempre più vasta dell'oceano Pacifico. Si tratta, per la precisione, di due vortici formati dalle correnti oceaniche, uno a 500 miglie nautiche al largo delle coste californiane, non lontano dalle Hawaii, l'altro nella parte orientale del Pacifico, davanti alle coste giapponesi.
La sua scoperta, a opera dell' oceanografo Charles Moore, risale al 1997, ma si sarebbe formata a partire dagli Anni '50 e la notizia è che le sue dimensioni nel frattempo si sono centuplicate e continuano a crescere in modo costante. Grazie alle navi e alle piattaforme petrolifere, certo, ma anche e soprattutto grazie ai rifiuti che arrivano direttamente dalla terraferma. Lo annuncia uno studio pubblicato a cura di Royal Society journal Biology Letters, raccogliendo l'allarme degli scienziati per la parte meno spettacolare e più infida dell'ammasso, una zuppa di brandelli di plastica di meno di 5 millimetri impastati con idrocarburi e residui chimici che possono mettere a serio rischio la fauna oceanica e, giù per i rami della catena alimentare anche gli esseri umani.
Come in un incubo, la GPGP (Great Pacific Garbage Patch), che ha attualmente le dimensioni del Texas de arriva fino a 30 metri di profondità, è apparsa dal nulla - fino al 1987 non c'era traccia di particelle di plastica nei campioni prelevati per lo studio - e si moltiplica: secondo una ricerca condotta dall'università della California ogni chilometro quadrato di mare, nell'area, contiene fino a 13 mila pezzi di plastica. Che lentamente si disfano in particelle minime, un cocktail micidiale per pesci e uccelli marini. In più bottiglie di plastica e affini rappresentano l'habitat ideale di un insetto noto come sea-skater (pattinatore del mare) che si nutre di plancton e uova di pesce. Insetto raro fino a quando doveva deporre le sue uova su legni galleggianti e conchiglie, ora diventato molto prolifico grazie all'estesa superficie a disposizione. Con danni intuibili su tutta la delicata catena alimentare oceanica.
Un bel problema, considerando che una bottiglia di plastica impiega fino a mille anni per biodegradarsi.

Fonte: La Stampa.it

News controllata da: Ernesta LA FACE


  Altre Se@News

vai all'Archivio

 « | 141 | 142 | 143 | 144 | 145 | 146 | 147 | 148 | 149 | 150 | » Torna all'elenco 

Hosted by AstraNet Leggi gli articoli di MondoMarino.net

Copyright © 1999 - 2017. Tutti i diritti riservati.
E' vietata la riproduzione in qualsiasi formato, e su qualsiasi supporto, di ogni parte di questo sito senza l'autorizzazione scritta dell'autore.
Sito realizzato da Mauro ROMANO, fotografie dei rispettivi fotografi.
Service Provider AstraNet