SommarioRicerca
PoesieE-Card, Articoli, ScreenSaver, ecc...
Utenti RegistratiArea E-mail

Ultimo Inserimento:
lunedì 29 gennaio 2018
  Ricerca Semplice  Ricerca Avanzata
Nome Comune  es. Polpo
Genere  es. Octopus
Specie  es. vulgaris

  Descrizioni Categorie

Crostacei
Gambero fantasma dei fungidi
(Periclimenes kororensis)
Al tipo dei Crostacei appartengono quasi 40.000 specie viventi, quasi tutte marine, diffuse a tutte le latitudini e a tutte le profondità. Il tipo è caratterizzato da una corazza rigida che ricopre e protegge il corpo (detta cuticola), e da un numero variabile di zampe articolate mobilissime. Le zampe possono essere modificate in chele, utili per afferrare e manipolare oggetti. Altre appendici, variamente modificate, servono come organi di senso (antenne), per la respirazione, per l’incubazione delle uova. Le appendici sono tutte corazzate, e i muscoli le muovono agendo dall’interno della cuticola, secondo una logica opposta a quella dei vertebrati (muscoli all’esterno delle ossa). La cuticola rigida dà protezione e sostegno. Quando si fa stretta, il crostaceo la rompe e ne esce con una corazza nuova, ancora molle e flessibile, che distende assorbendo liquidi. Questo processo è chiamato muta. L’occhio dei crostacei è un occhio composto, simile a quello degli insetti, costituito da migliaia di ommatidi, molto efficace soprattutto nel percepire il movimento di prede o predatori. L’alimentazione è varia, predatori, erbivori, spazzini, filtratori. Molte specie sono onnivore. [Guarda le foto]

Tunicati > Ascidie
Ascidia cristallo
(Clavelina lepadiformis)
Le ascidie hanno forma cilindrica o sferica, e presentano sulla superficie del corpo due aperture: una che continua con il sifone boccale e una che deriva dal sifone atriale, posti in posizione opposta rispetto al punto di attacco al substrato. Attraverso l’apertura “boccale” o “inalante”, l'acqua penetra nel corpo e il nutrimento (costituito essenzialmente da batterioplancton) viene intrappolato da un filtro interno, costituito dal cestello branchiale. Attraverso il “sifone atriale”, o apertura esalante, l’acqua, con i prodotti di rifiuto, viene espulsa dal corpo. Esistono ascidie solitarie e ascidie coloniali. Nelle ascidie coloniali i componenti della colonia sono immersi in una matrice gelatinosa. Le colonie possono formare una crosta o un ammasso sferico. Il colore delle ascidie è molto vario: rosso, arancione, giallo, viola e blu. [Guarda le foto]


  Altre Categorie
Ambienti, Relitti ed in molte altre categorie che attiveremo presto, puoi trovare immagini che, pur non trattando di biologia marina, appartengono al Mondo Marino.

  Ricerca in…
Tutte le categorie
Da Classificare
Vegetali
Spugne
Celenterati
Ctenofori
Vermi
Molluschi
Crostacei
Briozoi
Foronidei
Echinodermi
Tunicati
Pesci
Rettili
Mammiferi

  Ricerca in...
Tutti i mari
Mar Mediterraneo
Mar Rosso
Oceano Atlantico
Oceano Pacifico
Indo-Pacifico
Oceano Indiano
Mar Baltico
Mare del Nord

  Ricerca in...
Tutte le categorie
Ambienti
Relitti

Hosted by AstraNet

Copyright © 1999 - 2017. Tutti i diritti riservati.
E' vietata la riproduzione in qualsiasi formato, e su qualsiasi supporto, di ogni parte di questo sito senza l'autorizzazione scritta dell'autore.
Sito realizzato da Mauro ROMANO, fotografie dei rispettivi fotografi.
Service Provider AstraNet