Invia tutti gli SMS che vuoi!
SommarioRicerca
PoesieE-Card, Articoli, ScreenSaver, ecc...
Utenti RegistratiArea E-mail

Bergeggi Diving Shool

Biodiving: photosub, marine biology, diving school

 « | 131 | 132 | 133 | 134 | 135 | 136 | 137 | 138 | 139 | 140 | » Torna all'elenco 

  Se@News

giovedì 16 febbraio 2012

Una pianta marina mediterranea è l'organismo più vecchio del mondo


Un esemplare al largo di Formentera arriva a 15 km di lunghezza e 6 mila tonnellate di peso.
È l'organismo più vecchio e tra i più pesanti del pianeta, e vive nelle acque del Mediterraneo. È la Posidonia oceanica, pianta comunissima nelle acque mediterranee: secondo un recente studio pubblicato sulla rivista specializzata Plos One, un'esemplare della pianta, che si produce principalmente per clonazione, ha raggiunto una lunghezza di 15 chilometri e un peso di oltre 6 mila tonnellate. Attraverso misurazioni indirette sulla velocità di colonizzazione dei fondali marini, gli studiosi sono arrivati a ipotizzare l'età: da 80 mila a 20o mila anni. Anche se gli stessi autori della ricerca ritengono queste età molto improbabili, in quanto la pianta gigante (non è un'alga) - rinvenuta tra le isole di Formentera e Ibiza, nelle Baleari - si trovava emersa durante l'ultima glaciazione quando il livello del mare era 100 metri più in basso dell'attuale.
ALLARME - I ricercatori lanciano però l'allarme per la sopravvivenza delle praterie di Posidonia nel Mediterraneo, che stanno sparendo a una velocità del 5% all'anno di fronte ai cambiamenti climatici, un tasso ben superiore a quello di diffusione dei cloni: 80 metri in 600 anni. Questi cloni di Posidonia sono passati indenni attraverso condizioni mutevoli durante le glaciazioni, quando la temperatura del Mediterraneo era inferiore di 10-12 gradi a quella attuale, ma potrebbero non sopravvivere alle rapide mutazioni degli ultimi decenni.
RIPRODUZIONE - La ricerca inoltre smentisce una teoria secondo la quale la riproduzione asessuata (clonazione) non potesse continuare indefinitamente a causa di piccoli «errori di copiatura» accumulati nei geni nel corso del tempo e che quindi, di generazione in generazione, l'organismo sarebbe degenerato fino a scomparire.

Fonte: Corriere della Sera

News controllata da: Ernesta LA FACE


  Altre Se@News

vai all'Archivio

 « | 131 | 132 | 133 | 134 | 135 | 136 | 137 | 138 | 139 | 140 | » Torna all'elenco 

Hosted by AstraNet Bergeggi Diving Shool

Copyright © 1999 - 2013. Tutti i diritti riservati.
E' vietata la riproduzione in qualsiasi formato, e su qualsiasi supporto, di ogni parte di questo sito senza l'autorizzazione scritta dell'autore.
Sito realizzato da Mauro ROMANO, fotografie dei rispettivi fotografi.
Service Provider AstraNet