SommarioRicerca
PoesieE-Card, Articoli, ScreenSaver, ecc...
Utenti RegistratiArea E-mail

Biodiving: photosub, marine biology, diving school

 « 1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 | » Torna all'elenco 

  Poesie di mare...

ITACA
di Roberto MUSSAPI

  
Alcionario (Dendronephthya sp.)
Foto di Nicola CADEL
Il mare. E voci di bocche sbiancate a calce,
occhio cavo il fondale, gorgo immobile.
Svennero ad uno ad uno, svanirono nel fondo
pallide secche tranciate dalla poppa
e gli occhi di perle, e le labbra coralli
e sale macinato al fondo le loro ossa.

Lui le piangeva, smemorando i volti
e mi preg˛, mi nomin˛ per loro,
e io, bianca spuma, per lui ruppi lo specchio:
sillab˛ i loro nomi uno per uno,
e al capo dell'elenco trov˛ il suo,
per lo spirito divino che gli avevo infuso,
che Ŕ animo, e memoria pietosa,
e il cuore pomp˛ brezza nuova alle tempie,
e due sorgenti sciolsero il sale degli occhi.

A nulla valsero Circe, Calipso, altre maghe,
effimere come sogni o secche sottoprua.

Il mare, lei controluce, al tramonto,
e poi, nel sonno, lui seduto accanto,
" Tu non dissolverti, non morire,
non fare tutto finto di nuovo e per sempre".
Il buio, le lacrime e il singhiozzo trattenuto,
fiume che nutre il mare per non svegliarla.


 « 1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 | » Torna all'elenco 

Hosted by AstraNet Invia tutti gli SMS che vuoi!

Copyright ę 1999 - 2017. Tutti i diritti riservati.
E' vietata la riproduzione in qualsiasi formato, e su qualsiasi supporto, di ogni parte di questo sito senza l'autorizzazione scritta dell'autore.
Sito realizzato da Mauro ROMANO, fotografie dei rispettivi fotografi.
Service Provider AstraNet